Citrix ADC VPX on NUTANIX AHV

Durante le attività di svecchiamento del mio laboratorio, ho avuto necessità di migrare anche le installazioni di Citrix ADC, che in precedenza erano in funzione in VMware, verso NUTANIX AHV.

Di seguito vi riporto, passo passo, ciò che è necessario fare per installare un Citrix ADC VPX all’interno di NUTANIX.

Il primo passaggio prevede il download dell’immagine di Citrix ADC VPX nella versione predisposta per KVM.

Citrix ADC VPX for KVM

In laboratorio mi interessa testare le novità della versione più nuova di Citrix ADC che, ad oggi, é la versione 13.0 Build 52.24; in produzione consiglio invece di restare su versioni x.1, per esempio sulla 12.1 (sono le versioni considerate maggiormente stabili).

Decomprimere il file .tgz in cui sono presenti un file .qcow2, un file .xml e un checksum.txt.

File presenti nel .tgz

Accedere a Prism (o Prism Central se presente) ed accedere alla sezione di gestione delle immagini. Per esempio, su Prism Central, la posizione è questa:

Cliccare su “Virtual Infrastructure–>Images”
Cliccare su Add Image
Selezionare il file .qcow2
Cliccare su “Save”

A questo punto è necessario attendere il caricamento dell’immagine ed è possibile verificarne l’avanzamento da qui:

Task in esecuzione

Al termine dell’upload dobbiamo creare una nuova macchina virtuale a cui andremo ad assegnare il disco appena caricato. Possiamo per cui tornare in Prism e creare la nuova VM:

Compilare le carattaristiche della VM
Cliccare su “Add New Disk”
Selezionare Bus Type: IDE

Rimuovere il CD-ROM, presente di default, e modificare la configurazione di Boot:

Aggiungere le nick necessarie; nel mio caso due, una in rete locale ed una in DMZ e creare la VM.

Nel caso sia necessario creare NIC con specifici MAC address (per esempio per riutilizzare una licenza Citrix pre assegnata) è necessario creare le NIC usando il seguente comando (lanciato via SSH da una CVM):

acli vm.nic_create <vm name> network=<network name> mac=<new MAC address>
VM creata

Non è ancora possibile accendere la VM appena creata.
Collegarsi via SSH ad una CVM del Cluster e lanciare il seguente comando (inserendo al posto di <vm_name> il nome della macchina virtuale all’interno di “”):

acli vm.serial_port_create <vm_name> type=kServer index=0

Tale comando aggiungerà una porta seriale virtuale alla VM appena creata. Altrimenti, senza la seriale virtuale, la VM potrebbe non avviarsi correttamente e restare bloccata in fase di accensione.

Avviando la VM ora sarà possibile selezionare la tipologia di accesso alla console; VNC o tramite flusso seriale (COM1):

Tipologia di accesso alla console della VM Citrix ADC
Attendere il caricamento del firmware…

Eccoci ora con una nuova istanza Citrix ADC VPX pronta per essere configurata:

Per poter assegnare un indirizzo NSIP, da cui accedere all’interfaccia web di Citrix ADC, sarà necessario lanciare i seguenti comandi da console (dopo essersi loggati con utente nsroot/nsroot):

  • set ns config -IPAddress <ip_addr> -netmask <netmask>
  • show ns config
  • add route 0 0 <gateway IP address>
  • show route
  • save config
  • reboot

A questo punto, al termine del reboot, si potrà accedere via web alla nuova istanza Citrix ADC VPX:

Share with: